👉 11 motivi per cui le tue e-mail passano allo spam (e come tenerle fuori)

Squarespace vs WordPress – Immagine in primo piano

Vuoi sapere come impedire alle e-mail di passare allo spam? Se hai bassi tassi di apertura, potrebbe significare che le tue e-mail vengono contrassegnate dai filtri antispam. In questa guida, condivideremo 11 motivi per cui le tue e-mail passano allo spam e come assicurarti che non lo facciano.

Bonus esclusivo: Scarica la lista di controllo per la consegna di email gratuita per assicurarti che le tue e-mail raggiungano sempre la posta in arrivo!

Secondo uno studio del 2015 di Return Path, solo il 79% delle e-mail commerciali è in realtà nella casella di posta in arrivo. Ciò significa che una e-mail su cinque inviate vengono filtrate come spam o bloccate interamente.

In effetti, il numero di e-mail consegnate con successo è in declino: il tasso di inserimento della posta in arrivo globale diminuito del 4% dal 2014-2015.

Quindi, perché è sempre più difficile evitare i filtri antispam e mantenere le tue e-mail legittime e non spam da essere contrassegnate come spam?

Perché le email passano allo spam invece della posta in arrivo

Uno dei motivi principali per cui è sempre più difficile evitare l'invio di e-mail allo spam è che il filtraggio dello spam è diventato più rigoroso. I fornitori di Webmail stanno semplicemente reprimendo più duramente lo spam. Tuttavia, i filtri non sono accurati al 100%, quindi a volte anche le email legittime vanno allo spam.

Questa è una parte di esso, ma in realtà è un po 'più complicato di così …

Vedete, il coinvolgimento degli abbonati gioca un ruolo enorme nella consegna delle e-mail. Questo perché i provider di servizi webmail esaminano i tuoi livelli di coinvolgimento e il comportamento del destinatario nel determinare quali email effettivamente arrivano alla posta in arrivo.

Ma non preoccuparti, spiegheremo tutti questi fattori in dettaglio in modo da evitare di essere segnalati e impedire alle e-mail di passare allo spam.

Ecco una rapida ripartizione di ciò che tratteremo in questa guida (sentiti libero di usare i link qui sotto per saltare a quella sezione):

  • 11 motivi per cui le email vanno allo spam
  • Come evitare le email che arrivano allo spamming (3 passaggi)
  • Dash Filter Testing e Spam Checkers

Sei pronto a scoprire perché le tue email stanno arrivando nella cartella spam e come impedire che ciò accada? Iniziamo…

11 motivi per cui le email vanno allo spam

Esistono diversi fattori che svolgono un ruolo importante nel determinare se le tue e-mail vengano o meno recapitate nella Posta in arrivo. Diamo un'occhiata agli 11 motivi per cui le tue email non superano i filtri antispam …

1. Non hai ottenuto l'autorizzazione espressa per l'email

La regola numero 1 dell'email marketing è di ottenere prima l'autorizzazione esplicita per l'email. Non comprare mai un elenco di indirizzi e-mail, o rischi di violare la legge CAN-SPAM, e potresti essere soggetto a sanzioni fino a $ 16.000.

Per ottenere il permesso esplicito, avrai bisogno di un modulo di optin sul tuo sito che renda perfettamente chiaro che i tuoi visitatori si iscrivono alla tua mailing list. Scarica la nostra lista di controllo del modulo optin a 63 punti per assicurarti che il tuo modulo optin sia impostato correttamente.

Fare non aggiungi manualmente le email che hai scaricato sui biglietti da visita raccolti durante una conferenza. Sebbene tu possa pensare che apprezzerebbero la tua newsletter, l'invio di email a loro viola la legge CAN-SPAM perché non ti hanno dato il permesso esplicito.

2. Il tuo indirizzo IP è stato utilizzato per spam

Anche se non invii mai spam, le tue e-mail potrebbero essere contrassegnate come spam se il tuo indirizzo IP è stato utilizzato da qualcun altro per spam.

Ad esempio, se invii le tue campagne tramite MailChimp, la tua email viene consegnata tramite i loro server. Pertanto, se anche un altro cliente invia spam, potrebbe influire anche sulla consegna.

(Si noti, tuttavia, che MailChimp è molto vigile nel mantenere intatta la propria reputazione di invio e che hanno procedure e regolamenti molto rigidi per impedirlo).

In generale, attenersi a un provider di servizi di posta elettronica affidabile e si dovrebbe andare bene. Alcuni provider che raccomandiamo sono MailChimp, Aweber, ActiveCampaign, Infusionsoft e ConvertKit.

3. Hai bassi tassi di apertura

I principali fornitori di servizi webmail hanno dichiarato di considerare quante e-mail vengono aperte e quante sono eliminate senza essere aperte come fattore nelle loro decisioni di filtro dello spam. Questo è il motivo principale per i problemi di inserimento nella posta in arrivo, con il 26% delle campagne di email contrassegnate erroneamente come spam.

Quindi, se hai bassi tassi di apertura, le tue e-mail sono a maggior rischio di essere segnalate come spam.

Per aumentare le tue tariffe aperte, invia le tue e-mail al momento giusto, perfeziona le tue linee tematiche, segmenta il tuo elenco e mantieni aggiornato il tuo elenco.

Per suggerimenti più dettagliati e altri 6 modi per aumentare i tassi di apertura, leggi il nostro post su 10 semplici modi per migliorare la tua tariffa di apertura della posta elettronica.

4. I tuoi iscritti non ti ricordano

Il secondo motivo più comune per cui le e-mail non raggiungono mai la posta in arrivo (che riguarda il 21% delle e-mail) sono i reclami di spam.

Ogni volta che un sottoscrittore segnala un'e-mail come spam, anche se non è realmente spam, questo reclamo viene registrato dal provider della casella di posta. Una volta che i reclami superano una certa soglia, tutte le future campagne salteranno la posta in arrivo e verranno inviate direttamente alla cartella spam.

Quindi, perché un abbonato dovrebbe contrassegnare la tua email come spam se non è spam? Beh, la ragione più probabile è che semplicemente non ti ricordano. Anche se ti hanno dato il permesso di inviarli via email, non ricordano di averlo fatto, quindi pensano che tu stia inviando loro spam.

Per evitare che ciò accada, assicurati che il branding nelle tue e-mail sia memorabile e corrisponda al marchio sul tuo sito web. Ciò include qualsiasi immagine, colore, tipografia, voce, ecc. Inoltre, assicurati che la riga "da" provenga da un nome che riconosceranno.

Se i tuoi iscritti non lo fanno subito ricorda chi sei, potresti ricevere denunce di spam, quindi tienilo a mente.

Inoltre, assicurati di includere un link "annulla iscrizione" facilmente accessibile in modo che possano scegliere se non desiderano più le tue email.

5. Hai un basso utilizzo della cassetta postale

Il quinto elemento del nostro elenco e la terza causa più comune di posizionamento di posta in arrivo basso (che interessa il 19% delle e-mail) è l'utilizzo di cassette postali basso.

Nei loro algoritmi di filtraggio dello spam, i provider di cassette postali esaminano il rapporto tra account e-mail attivi e inattivi presenti nell'elenco. Un account e-mail inattivo è un account che non è stato utilizzato da molto tempo o raramente utilizzato.

Se stai inviando mail a un gran numero di indirizzi che sembrano avvicinarsi all'abbandono, questa è una bandiera rossa per i filtri spam.

Per evitare ciò, "pulisci" periodicamente la tua lista e-mail da eventuali abbonati che non si sono impegnati con le tue campagne in un istante.

Il tuo fornitore di servizi di posta elettronica potrebbe anche includere una funzionalità per eliminare automaticamente tutte le email dal tuo elenco che sembrano indirizzi abbandonati.

6. La tua riga dell'oggetto è fuorviante

Come afferma l'atto CAN-SPAM, è in realtà contro la legge ingannare intenzionalmente qualcuno con la linea dell'oggetto per indurli a visualizzare il messaggio.

In un sondaggio condotto da Litmus e Fluent, oltre il 50% dei partecipanti ha affermato di essersi sentito imbrogliato, ingannato o ingannato nell'aprire un'e-mail promozionale dalla riga dell'oggetto di posta elettronica.

Ecco alcuni esempi di righe soggettive fuorvianti:

  • Ho lasciato la mia giacca al tuo posto? – un trucco per far sembrare che ti conoscano.
  • RE: ATTUALMENTE IN UFFICIO – fatto apparire come un messaggio correlato al lavoro.
  • Urgente – Aggiorna le tue informazioni – non c'è in realtà nessuna questione urgente da affrontare.
  • Grazie per il tuo ordine! – nessun ordine o transazione è effettivamente avvenuto.

Potresti pensare che non faresti mai ricorso a questi trucchetti a basso costo. Tuttavia, potresti essere tentato di cadere in un'area grigia.

Ad esempio, potresti aver appena scritto un post sul blog che desideri inviare alla tua mailing list. Per far sì che aprano l'e-mail, è possibile includere una riga dell'oggetto come "8 motivi che non si dovrebbero mai postare sui social media". Tuttavia, la tua email dice: "Sto scherzando. Non ti sto suggerendo mai pubblicare su social media. Tuttavia, ecco 8 suggerimenti … "

È meglio evitare queste aree grigie. Alcuni dei tuoi abbonati potrebbero essere divertiti, ma altri no. Semplicemente non vale il rischio di lamentarsi.

7. Le tue informazioni "Da" sono imprecise

È anche contro il CAN-SPAM ACT indurre in errore chiunque abbia le proprie informazioni "da", "a", "risposta-a" e routing.

Ad esempio, se hai fatto apparire la tua email come se fosse dal Presidente, sarebbe illegale. (Un esempio estremo, ma ottieni il punto).

Come best practice, assicurati di includere un nome nel campo "da" che i tuoi iscritti probabilmente ricorderanno e non cambiarlo troppo spesso. Potrebbe essere il nome di un individuo, il nome della tua azienda o una combinazione dei due (ad esempio "Syed di OptinMonster"). Qualunque cosa tu scelga, scegli la memorabilità e la coerenza.

8. Non hai inserito il tuo indirizzo fisico

Lo sapevate che in realtà è contrario alla legge CAN-SPAM di trascurare il vostro indirizzo fisico valido?

Le tue e-mail devono includere il tuo attuale indirizzo, una casella postale registrata presso il servizio postale degli Stati Uniti o una casella di posta privata registrata presso un'agenzia di ricezione di posta commerciale stabilita in base ai regolamenti del servizio postale.

Se sei un piccolo imprenditore e lavori fuori casa, ti consigliamo di procurarti un P.O. box per scopi commerciali in modo da non dover trasmettere in massa il tuo indirizzo di casa.

9. Non hai inserito un link "Annulla iscrizione"

Non importa quanto tu pensi che le tue campagne di email siano preziose, devi comunque offrire ai tuoi iscritti un potenziale. In caso contrario, si potrebbero ottenere denunce di spam (nel migliore dei casi) o schiaffi con multe di migliaia di dollari.

Nella parte inferiore delle e-mail, includi un link "annulla iscrizione" o una funzione di opt-out simile.

Inoltre, quando qualcuno chiede di essere rimosso, è necessario onorare immediatamente tale richiesta. In particolare, è necessario elaborare tale richiesta entro 10 giorni lavorativi.

Non è possibile addebitare una commissione per questo, richiedere informazioni oltre a un indirizzo di posta elettronica o fare in modo che l'abbonato effettui qualsiasi passo diverso dall'invio di un'e-mail di risposta o dalla visita di una singola pagina sul proprio sito Web.

Ad esempio, non puoi fare in modo che gli abbonati compilino un modulo che spieghi il motivo per cui decidono di rinunciare prima di poter disiscriversi. Se vuoi sondare i tuoi disiscritti, mostra loro il sondaggio giusto dopo hanno disattivato con successo o nell'e-mail di conferma dell'iscrizione, non prima.

Non vendere o trasferire mai gli indirizzi e-mail dei tuoi disiscritti a un'altra mailing list.

10. Hai usato parole di Spam Trigger

Alcuni filtri antispam sono attivati ​​da determinate parole nella riga dell'oggetto o nel corpo dell'email. Alcune parole di attivazione dello spam includono:

  • Stupefacente
  • annullare in qualsiasi momento
  • assegno o vaglia postale
  • clicca qui
  • Congratulazioni
  • caro amico
  • solo per ($)
  • gratuito o gratuito
  • grande offerta
  • garanzia
  • aumento delle vendite
  • ordina adesso
  • prometto
  • privo di rischio
  • promozione speciale
  • questo non è spam
  • vincitore

Il tuo provider di posta elettronica potrebbe avere uno strumento integrato che controlla le tue e-mail per le parole che innescano lo spam prima di inviarlo. In alternativa, puoi anche utilizzare ISnotSPAM, uno strumento gratuito che registra le email per la deliverability e controlla se sono suscettibili di attivare filtri spam.

Invia semplicemente la tua email all'indirizzo email visualizzato sul loro sito Web, quindi fai clic sul pulsante Visualizza il tuo rapporto.

Il rapporto mostrerà i criteri che hanno esaminato, insieme al tuo punteggio e se hai superato o meno il test.

Per un elenco di parole trigger di spam, consulta questo elenco completo.

11. Le tue email HTML non seguono le migliori pratiche

Se invii email di solo testo, non devi preoccuparti di questo. Tuttavia, potresti voler inviare email HTML e una versione solo testo. In questo modo, puoi includere alcuni elementi di branding che rendono le tue e-mail più memorabili (il che aiuta nell'impegno).

Abbiamo effettivamente testato le e-mail con testo in chiaro con la nostra lista di e-mail, e abbiamo scoperto che le e-mail con il marchio acquisiscono un maggiore coinvolgimento. Quindi è sicuramente una buona cosa provare con la tua lista.

Tuttavia, devi seguire alcune best practice per l'invio di email HTML in modo che non vengano contrassegnate come spam:

  • Usa una larghezza massima di 600-800 pixel. Questo li farà sembrare buoni nella maggior parte dei client di posta elettronica.
  • Mantieni il tuo codice HTML il più semplice e pulito possibile. Se si utilizza un modello da un provider di servizi di posta elettronica affidabile, si dovrebbe essere OK.
  • Mantieni basso il rapporto immagine-testo. Le immagini vanno bene per includere nelle tue campagne di email marketing, ma non inviare mai e-mail di sole immagini senza testo.
  • Ottimizza le tue immagini per email comprimendoli prima. Non utilizzare immagini ad altissima risoluzione o altri supporti con file di grandi dimensioni.
  • Non usare caratteri oscuri. Mantieni i caratteri che funzionano su piattaforme come Arial, Verdana, Georgia e Times New Roman.
  • Ottimizza per dispositivi mobili. Assicurati che le tue e-mail siano leggibili e caricate rapidamente sui dispositivi mobili e che i tuoi link possano essere facilmente premuti con un pollice.

Per fare un esempio, ecco una delle e-mail in formato HTML che i nostri abbonati amano:

Guarda come è semplice? Includiamo il nostro logo in alto per il riconoscimento del marchio, ma la maggior parte dell'email è di testo. Usiamo anche un semplice segnale visivo, il riquadro grigio in basso, per evidenziare l'area "Stai ricevendo questa email perché …". Questo rende l'e-mail analizzabile e ricorda agli abbonati i vantaggi di essere nella nostra lista di e-mail.

Come evitare le email che arrivano allo spamming (3 passaggi)

Finora, ti abbiamo mostrato 11 motivi per cui le tue e-mail passano allo spam. Successivamente, ti mostreremo 3 semplici passaggi per evitare che ciò accada …

Passaggio 1. Chiedere agli abbonati di inserire nella whitelist le proprie e-mail

Nella tua e-mail di benvenuto che invii ai nuovi abbonati dopo che hanno attivato, assicurati di dire loro di inserire nella lista bianca le tue e-mail.

Ciò garantirà che i tuoi abbonati ricevano le email importanti per le quali si sono iscritti. Inoltre, avere più persone nella lista bianca delle tue e-mail contribuirà ad aumentare la reputazione del mittente e le tariffe di consegna della posta in arrivo saranno complessivamente più elevate.

Sentiti libero di copiare e incollare le seguenti istruzioni nella tua email di benvenuto …

Come autorizzare un indirizzo email con Gmail

  1. Apri l'email
  2. Fai clic sulla freccia a discesa accanto al pulsante "Rispondi"
  3. Seleziona "Aggiungi alla lista dei contatti"
  4. Fai clic sul pulsante "Altro" sopra l'intestazione dell'email
  5. Seleziona "Filtra messaggi come questi"
  6. Nella parte inferiore della finestra di ricerca, fai clic su "Crea filtro con questa ricerca"
  7. Seleziona la casella "Non inviarlo mai a Spam"

Come autorizzare un indirizzo email con Outlook

  1. Apri l'email
  2. Fai clic con il tasto destro del mouse sul nome del mittente e fai clic su "Aggiungi ai contatti di Outlook"
  3. Clicca "Salva"
  4. Nel menu Strumenti, fare clic su "Opzioni"
  5. Nella scheda Preferenze, sotto E-mail, fai clic su "Posta indesiderata"
  6. Fai clic sulla scheda Mittenti attendibili
  7. Selezionare la casella di controllo "Confidare anche e-mail dai miei contatti"

Per altri provider di posta elettronica, consulta queste istruzioni di whitelisting.

Passaggio 2. Chiedere agli utenti di Gmail di "trascinare" le e-mail dalla scheda delle promozioni alla posta in arrivo principale

Anche se la tua email non è andata a spam, gli utenti di Gmail potrebbero comunque avere problemi a trovare le tue email perché sono state filtrate nella loro scheda Promozioni.

Per evitare ciò, dai loro le seguenti istruzioni …

Come trascinare le email nella Posta in arrivo principale di Gmail

Per prima cosa, cerca l'e-mail nella scheda Promozioni. Quindi fare clic, trascinare e rilasciare nella scheda principale.

Successivamente, verrà visualizzato un messaggio che chiede se desideri eseguire questa operazione per i messaggi futuri da questo mittente. Seleziona "Sì".

Ora i tuoi iscritti a Gmail riceveranno sempre le tue e-mail nella loro posta in arrivo principale.

Passo 3. Insegnali Come mantenere le tue email organizzate in una cartella speciale

Le tue e-mail sono importanti per i tuoi abbonati, ma probabilmente ricevono anche molte altre email da vari abbonamenti. Aiutali a trovare facilmente le tue e-mail insegnando loro come organizzare le tue e-mail in una cartella speciale.

Inoltre, ricorda che l'impegno è un fattore importante che può influire sui tassi di inserimento della tua casella di posta. Aiutare i tuoi iscritti a tenere traccia di tutte le tue e-mail future ti aiuterà a mantenere le tue email fuori dallo spam per sempre.

Dai ai tuoi iscritti le seguenti istruzioni per aiutarli a organizzare le email da te …

Istruzioni per organizzare le e-mail

  1. Crea una cartella speciale in cui puoi archiviare le email da noi dopo averle lette.
  2. Fare non imposta i filtri per indirizzare automaticamente le nostre e-mail in queste cartelle, altrimenti potresti perdere qualcosa.
  3. Dopo aver finito di leggere un'e-mail, spostarla manualmente nella cartella.

Dash Filter Testing e Spam Checkers

Tu sei ancora preoccupato che le tue e-mail possano andare allo spam? Se segui tutti i suggerimenti sopra riportati e continui a riscontrare problemi con le e-mail che vengono inviate allo spam, ecco alcuni strumenti di controllo dello spam che puoi utilizzare per testare le tue e-mail in caso di problemi.

1. Tornasole

Litmus è una suite di strumenti di ottimizzazione della posta elettronica che include un controllo dello spam.Ecco come ti aiuta a mantenere le email andando allo spam:

  • Esamina le tue email da tutti i principali filtri antispam prima dell'invio, per assicurarti che passino.
  • Controlla la tua reputazione osservando i tuoi indirizzi IP e tutti i nomi di dominio utilizzati nella tua e-mail e controllandoli contro le blacklist conosciute. (Se qualcuno di questi potrebbe influenzare la consegna, riceverai una notifica.)
  • Verifica che l'autenticazione e-mail, come DKIM, DomainKeys, SenderID e Sender Policy Framework, sia impostata correttamente.
  • Ti dà un punteggio di spam, che ti spiega perché hai ottenuto quel punteggio e come migliorarlo.

2. EmailReach

EmailReach è un completo strumento di verifica dello spam e di test della posta elettronica. Ti aiuta a tenere lontane le tue email dallo spam:

  • Notifica di mancate consegne, mancate consegne e problemi con la cartella spazzatura in tutte le principali caselle di posta in arrivo.
  • Valuta il contenuto delle tue email e progetta contro i principali filtri antispam e fornendoti un punteggio spam.
  • Verifica dell'indirizzo IP e della reputazione del dominio da tutte le principali blacklist email.
  • Verifica dell'igiene della tua mailing list e pulizia delle tue mailing list e ISP-friendly.

3. IsNotSpam.com

IsNotSpam.com è un programma di controllo dello spam gratuito che puoi provare se non disponi del budget per Litmus o EmailReach.

Dovrai controllare ogni messaggio manualmente, e non ha capacità di test complete, ma controllerà il tuo Sender Policy Framework, SenderID e DKIM per assicurarti che siano impostati correttamente, e farà un controllo SpamAssassin al punteggio il tuo contenuto di posta elettronica.

Questo è tutto! Ci auguriamo che questo post ti abbia aiutato a scoprire 11 motivi per cui le tue e-mail vanno nella casella dello spam e come evitare i filtri spam.

Bonus esclusivo: Scarica la lista di controllo per la consegna di email gratuita per assicurarti che le tue e-mail raggiungano sempre la posta in arrivo!

Ora è il tuo turno. Vai avanti e segui i passaggi sopra descritti per evitare che le e-mail vengano indirizzate allo spam. Potresti anche voler controllare 7 modi per coinvolgere i tuoi abbonati e-mail dal momento in cui hanno deciso di aderire.

Se ti è piaciuto questo post, considera di seguirci su Facebook e Twitter.

Guarda il video: VIENI CREARE UN SITO PROFESSIONALE GRATIS

Like this post? Please share to your friends:
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: