👉 Intervista con Chris Lema - Business di WordPress

Plugin più popolari di WordPress Infographic – Immagine in primo piano

La settimana scorsa, abbiamo organizzato un giveaway di successo e una raccolta fondi per celebrare il 5 ° compleanno di WPBeginner e aiutare a costruire 2 scuole in Guatemala attraverso l'associazione di beneficenza Matite di Promessa. Questo non sarebbe possibile senza i nostri sponsor Platinum che hanno donato $ 5000 per la campagna. Voglio evidenziare ciascuno di loro intervistandoli sulla loro attività.

In questa intervista abbiamo Chris Lema, VP di Emphasys Software, un blogger e business coach quotidiano su ChrisLema.com

Chris e io ci siamo incontrati per la prima volta a BlogWorld, dove il nostro amico comune Dre Armeda di Sucuri ci ha presentato. Da allora, Chris e io eravamo diventati buoni amici. Abbiamo partecipato a dozzine di conferenze, abbiamo avuto innumerevoli cene e persino una mente a Cabo.

Chris ama aiutare gli altri. Quando ha saputo del regalo che stavo facendo, è saltato a bordo per donare $ 5000.

Ho avuto un sacco di ottime conversazioni con Chris, quindi sono sicuro che apprezzerai questa conversazione e imparerai dalla sua esperienza.

Detto ciò, saltiamo nell'intervista.

1. Qual è stata la tua prima esperienza con WordPress?

Il mio cliente continuava a chiedere modifiche. Ma nessuno di questi era cambiamenti di sviluppo. Erano tutti aggiustamenti di testo o immagine – aggiungi questo qui, portalo via. Quindi ho pensato "abbastanza di questo" e ho spostato il suo sito su un CMS. Si chiamava DotNetNuke e io lo stavo usando perché conoscevo molto bene la piattaforma .NET. Come puoi immaginare, era poco intuitivo e il cliente mi ha chiamato di nuovo per apportare modifiche. Tutto ciò che avevo fatto era risparmiare un po 'di tempo. Niente di più.

E poi ho trovato WordPress. Non avevo usato PHP in alcuni anni ed ero arrugginito, ma presto sono riuscito a portare il loro sito e ciò che ho notato è stato immediato. Stavano adeguando il proprio sito. In quel momento ho deciso che avevo davvero bisogno di abbracciare WordPress – perché i clienti potevano gestirsi da soli. Era il 2005 e non ho guardato indietro.

2. Qual è stata la tua più grande sfida con WordPress?

Quando ho iniziato, la gente non parlava di temi infantili. Quindi stavo tagliando direttamente temi esistenti. Anch'io stavo hackerando core. Erano tutti file e non ci pensavo due volte a modificare i file, apportare modifiche e ottenere le cose come volevo che fossero. Non avevo idea che ci fosse un particolare approccio a trattare temi o core che mi avrebbero protetto dai cambiamenti. È stata una lezione costosa da imparare. Quando ho capito che i miei cambiamenti si stavano perdendo, avevo costruito trenta siti che dovevo tornare indietro e sistemare.

3. In che modo la tua azienda / lavoro utilizza WordPress?

Lavoro in un'azienda chiamata Emphasys. Facciamo software di impresa di mercato verticale. Quindi la maggior parte del nostro lavoro non si concentra su WordPress. Ma in uno dei nostri verticali, Residential Real Estate, costruiamo siti Web per i broker. In questo spazio utilizziamo WordPress e abbiamo progettato un tema personalizzato, un plug-in MLS personalizzato che attinge a un'integrazione MLS basata su Saas che abbiamo creato e una soluzione multi-sito per l'intermediazione e tutti i suoi agenti.

Gestisco anche il mio sito, un blog giornaliero, su WordPress. E per anni come ho allenato le startup, l'ho usato per i loro siti.

4. Nel corso degli anni, l'ecosistema aziendale di WordPress si è evoluto. Dove vedi che sta andando?

Sono stato sorpreso, quando sono entrato nella comunità tre anni e mezzo fa, da quanto poca comunicazione fosse focalizzata sul lato business delle cose. C'erano alcune grandi risorse e persone che aiutano, ma su 100 post su WordPress da parte della gente, forse 1 o 2 erano su argomenti di business per la comunità. Quindi è dove sono entrato e sono felice di dire che ho visto aumentare il dialogo. È ancora un mercato molto giovane, con i giocatori commerciali più vecchi (non hosting) di soli 5 o 6 anni.

Nei prossimi anni, mentre maturiamo, mi aspetto che vedremo diverse cose (alcune delle quali stiamo appena iniziando a vedere accadere):

  • Sviluppo della piattaforma (in cui ai clienti viene offerto tutto come SaaS)
  • Consolidamento (dove le società commerciali si fondono)
  • Soluzioni settoriali mirate / dedicate (hosting / temi / plugin per mercati verticali)

Questi accadono ogni volta che una tecnologia diventa mainstream.

5. Qual è il tuo consiglio numero 1 per le aziende WordPress quando si tratta di valutare i loro prodotti?

Il mio consiglio numero uno per le persone che cercano di valutare i loro prodotti è semplicemente questo: chiedere aiuto.

Il prezzo è complesso e difficile da fare. Esistono varie opinioni e ricerche. Alcune persone hanno più esperienza di altre. E dopo tutto quello, due occhi sono meglio di uno. Quindi cerca aiuto. Chiedere aiuto. Invita alcune persone nel processo.

Ho altri consigli, ma tu ne hai chiesto uno. Per leggere il resto del mio consiglio, controlla il mio eBook (The Price is Right: An Introduction to Product Pricing).

6. Secondo te, qual è l'errore n. 1 che vedi fare affari con WordPress?

Il più grande errore commesso dalle aziende, a quanto vedo, è che hanno l'ansia di imparare dai propri errori. Ciò richiede molto tempo e può potenzialmente affondare te. Eleanor Roosevelt disse: "Impara dagli errori degli altri. Non puoi vivere abbastanza a lungo da farli tutti da soli. "

È per questo che offro coaching e consulenza, perché le storie che condivido con le persone le proteggono dall'apprendimento per conto proprio.

7. Perché hai deciso di sostenere questa causa e cosa significa per te?

Non è una sorpresa per le persone che mi conoscono che sono spinto a lasciare un segno, ad avere influenza ea lasciare qualcosa dietro – anche se è semplicemente un esempio per i miei figli. Quindi ho investito in questa causa per tre ragioni: la prima è missionaria, la seconda è finanziaria e la terza è relazionale.

Il primo motivo per cui sostenevo questa causa era perché si allineava alla mia missione personale. Non era una causa per le zanzariere. Non era una causa per le pillole contro la malaria. Sono fantasticiMa ho un alto valore per l'educazione. Negli ultimi vent'anni ho letto 50-150 libri all'anno. Ho ereditato il valore dai miei genitori. E voglio trasmetterlo ai miei figli.

Tutti facciamo delle scelte con i nostri soldi. Nella nostra famiglia abbiamo un valore per la generosità e risparmiamo i nostri fondi in modo che possiamo avere un impatto nelle vite che ci circondano. Quindi la seconda ragione è semplicemente questa: l'ho supportata perché potevo. Ho avuto i fondi. Perché abbiamo risparmiato per poter fare cose del genere con i nostri soldi.

L'ultima ragione è perché me l'hai chiesto. So che sembra sciocco, ma non abbastanza persone chiedono. Abbiamo tutti paura di sembrare sbagliato, quando ho la stessa capacità di dire di no come faccio io. Hai chiesto. E per i primi due motivi, e per questo terzo, ho detto di sì. Vedi, la mia regola generale per gli investimenti è semplicemente quella di affiancare i progetti di cui i miei amici fanno parte (specialmente se si allineano con la mia missione e ho i fondi per farlo). È un impegno nel rendere le tue cause mie e le mie cause tue.

Grazie Chris per il tuo tempo e la generosa donazione per aiutare a costruire scuole.

Tutti, per favore controlla ChrisLema.com per saperne di più su business e leadership.

Guarda il video: WordPress – Jetpack

Like this post? Please share to your friends:
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: