👉 7 motivi per cui i visitatori non si convertono in clienti

I migliori tutorial su WordPress del 2012 su WPBeginner

Ti sei mai chiesto perché alcune persone visitano il tuo sito Web e se ne vanno senza effettuare un acquisto? Invece di spendere più denaro e sforzi per far crescere il traffico del tuo sito, concentrarti sul miglioramento delle conversioni può comportare un ROI migliore. In questo articolo, condividerò 7 motivi per cui i visitatori non si convertono in clienti.

Perché le persone non si convertono?

Immagino che tu conosca già alcune delle nozioni di base della conversione, come fare un'offerta di rilievo, semplificare la conversione e così via.

Ma per migliorare la conversione e conoscere davvero il tuo pubblico, devi sapere perché una persona non si converte.

La risposta ovvia potrebbe essere che non sono interessati a ciò che stai vendendo, cosa che non puoi davvero impedire.

Ma oltre a questo, di solito è il risultato di una paura o apprensione innata che impedisce loro di fare clic sul pulsante.

Se riesci a capire queste paure che impediscono ai tuoi visitatori di convertirsi, puoi facilmente migliorare le tue conversioni.

Esaminiamo alcuni di questi motivi più comuni per cui le persone non si convertono più in dettaglio.

1. Il marchio non è affidabile

Il primo timore è uno dei più ambigui che rende difficile identificare e difficile da risolvere.

La maggior parte dei visitatori guarda a un marchio prima di acquistare un prodotto. Un nome familiare importante, come Amazon o Walmart, porta immediatamente un certo grado di fiducia.

I visitatori abituali spesso si fidano o diffidano di un marchio in base alle loro precedenti esperienze. Significa che se svolgi bene le tue mansioni, puoi costruire la fiducia dei consumatori nel tempo.

Ma per quanto riguarda i neofiti? Per loro, dovrai aumentare la fiducia del marchio in ogni caso possibile.

Ci sono molti modi per farlo, incluso elencare le tue affiliazioni, mostrare recensioni e feedback dei clienti e persino includere immagini di persone reali per rendere il tuo marchio più gradevole.

Devi renderti accessibile e dimostrare la tua autorità.

2. Il prodotto non è prezioso

Questo è un problema difficile da decifrare, dato che si presenta in così tante permutazioni.

Potrebbe essere che il tuo prodotto non appaia utile. Potrebbe essere troppo simile a un prodotto concorrente o esistente. Il tuo prodotto potrebbe essere troppo costoso.

Se riesci a limitare queste possibilità, avrai maggiori possibilità di correggere il problema di fiducia.

Se no, allora dovrai andare con una manciata di correzioni generali; riepiloga il valore unico del tuo prodotto, spiega perché vale la pena chiedere agli utenti di pagarlo e considera di confrontarlo con un prodotto simile sul mercato.

Devi mostrare ciò che rende il tuo prodotto sia unico che prezioso. E se non puoi, allora hai problemi più grandi di un semplice tasso di conversione.

3. Il prodotto non è quello che viene venduto

Chiunque può scrivere una copia che faccia sembrare un prodotto fantastico: "L'ultima padella che possiedi mai!" Suona piuttosto bene, ma i consumatori moderni sono scettici su queste parole apparentemente perfette.

Se vuoi conquistare la fiducia dei tuoi utenti, allora non cercare di andare oltre le affermazioni; invece, essere semplice e trasparente.

Spiega chiaramente i vantaggi e i vantaggi del tuo prodotto e includi immagini o video reali. Mostra il tuo prodotto utilizzato in un ambiente reale, anche se non è perfetto.

Se sei onesto e aperto, le persone si fideranno di più dei tuoi messaggi e avranno maggiori probabilità di convertirsi.

4. Non ci sono fallback o garanzie

I consumatori amano le reti di sicurezza e, se non riescono a vederne una, potrebbero evitare di convertirle interamente.

Mettiti nei panni dell'utente per un momento. Se ordinate questo prodotto e questo non viene, o viene danneggiato o comunque imperfetto, quali opzioni avete?

È un pensiero abbastanza terrificante da impedire ad alcuni utenti di seguirlo, ma puoi facilmente superarlo includendo un po 'di rassicurazione: una rete di sicurezza per i tuoi clienti.

Ad esempio, è possibile fare riferimento al proprio servizio clienti stellare o offrire una garanzia di rimborso sul prodotto.

Piccoli tocchi come questi possono fare molto per rendere i tuoi clienti abbastanza confortevoli da convertire.

5. C'è un affare migliore da qualche altra parte

È anche possibile che i tuoi utenti non si convertano semplicemente perché possono ottenere un prezzo migliore o un prodotto migliore altrove.

Qui, il primo passo è assicurarsi di comunicare il valore del prodotto in modo chiaro ed efficace.

La tua offerta dovrebbe essere sia preziosa che unica nel mercato, e se non lo è, deve cambiare.

Oltre a ciò, è possibile confrontare una manciata di prodotti simili per mostrare agli utenti che cosa otterrebbero altrimenti, o offrire una garanzia di corrispondenza dei prezzi che metta immediatamente in discussione eventuali problemi di concorrenza.

6. Recitare ora sarebbe impulsivo

Nel momento in cui un visitatore esita, la conversione è buona quanto persa. Temono le ripercussioni della recitazione velocemente, rimandano la decisione e finiscono per non averla mai fatta.

Per superare questo, includi alcune chiamate all'urgenza, come "un'offerta a tempo limitato" o un testo forte che costringa a un'azione rapida. Vedi: come utilizzare l'urgenza per modificare i tassi di conversione.

Questi possono superare la paura dell'impulso rendendo la decisione impulsiva più accettabile.

È anche una buona idea rendere il processo il più veloce e semplice possibile. Più passaggi fai nel processo, o più complicato fai le cose, maggiori sono le possibilità che il tuo visitatore dovrà indovinare la loro decisione.

7. Non c'è sicurezza delle informazioni

Questo sta diventando una preoccupazione crescente poiché più violazioni dei dati diventano prevalenti nelle notizie.

La sicurezza delle informazioni può fare riferimento a una serie di diversi bisogni e conseguenze, da qualcosa di relativamente innocente come l'uso di un indirizzo email di un cliente per messaggi troppo frequenti a qualcosa di devastante come l'esposizione di una carta di credito o di un numero di previdenza sociale.

Se vuoi che i tuoi visitatori si convertano, devi rassicurarli che le loro informazioni sono in buone mani. Puoi iniziare aggiungendo un livello di crittografia SSL al tuo sito e lavorare con un gateway di pagamento affidabile per rassicurare i clienti che le loro informazioni vengono gestite correttamente.

Inoltre, è possibile includere una politica sulla privacy o un altro impegno di fiducia per conquistare gli utenti.

Una volta compreso e intrapreso azioni su queste potenziali paure dei consumatori, dovresti vedere il tuo tasso di conversione iniziare a salire.

Ovviamente, non sarai in grado di sedare ogni paura di ogni utente, ma i tuoi modelli di comportamento dei clienti dovrebbero iniziare a deviare verso conversioni più sicure.

Se hai intrapreso azioni su questi punti, ma hai ancora problemi a ottenere le conversioni che desideri, allora potresti voler esaminare questi 12 suggerimenti per ridurre la frequenza di rimbalzo e aumentare le conversioni.

Potresti anche voler sottoporre a test A / B i moduli optin e le pagine di destinazione per aumentare le conversioni.

Se ti è piaciuto questo articolo, ti invitiamo a seguirci su Twitter e Facebook per ulteriori suggerimenti sull'ottimizzazione del tasso di conversione.

Guarda il video: Foglio di tema di WordPress per principianti

Like this post? Please share to your friends:
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: