👉 11 passaggi per creare una strategia di marketing dei contenuti per far crescere il tuo business

Annuncio dei tagliandi WordPress WPBeginner: un modo semplice e veloce per risparmiare denaro

Sapevi che il 63% delle aziende non ha una strategia di marketing dei contenuti documentata? Questo è secondo le ultime ricerche del Content Marketing Institute (CMI) e MarketingProfs.

Non sorprende che le aziende che hanno una strategia abbiano maggiori probabilità di ritenere che i loro sforzi di content marketing abbiano successo.

Senza una strategia, il successo o il fallimento è solo una questione di fortuna – e rischi che tutti i tuoi sforzi vadano sprecati.

Risorsa consigliata: Hai bisogno di avviare i tuoi risultati di marketing dei contenuti? Ottieni più traffico e conversioni con la nostra guida definitiva al marketing dei contenuti nel 2018.

Questo è probabilmente il motivo per cui una percentuale simile (64%) afferma che imparare a costruire una strategia per i contenuti è uno dei loro maggiori bisogni educativi.

Se ti trovi in ​​quel gruppo e ti stai chiedendo come creare una strategia di contenuti per la tua attività, siamo qui per aiutarti.

Abbiamo utilizzato con successo il content marketing per far crescere il nostro traffico e aumentare le conversioni da quando Jared Ritchey è stato lanciato per la prima volta nel 2013 e vogliamo condividere con voi ciò che abbiamo appreso lungo il percorso.

Questa guida ti guiderà attraverso 11 semplici passaggi per lo sviluppo e l'esecuzione di un piano di marketing dei contenuti che ti aiuterà a far crescere la tua attività senza sprecare tempo e denaro.

Ecco i passaggi per una facile consultazione:

  1. Passaggio 1. Imposta la tua missione e i tuoi obiettivi
  2. Passaggio 2. Stabilisci i tuoi KPI
  3. Passaggio 3. Conosci il tuo pubblico
  4. Passaggio 4. Valuta la tua posizione attuale
  5. Passaggio 5. Scopri i migliori canali di contenuti
  6. Passaggio 6. Decidere i tipi di contenuto
  7. Passaggio 7. Identificare e allocare risorse
  8. Passaggio 8. Creare un calendario di contenuto
  9. Passaggio 9. Crea contenuto
  10. Passaggio 10. Distribuisci e commercializza
  11. Passaggio 11. Misurare i risultati

Passaggio 1. Imposta la tua missione e i tuoi obiettivi

Un buon punto di partenza per il tuo piano di strategia per i contenuti è quello di definire una dichiarazione di missione di content marketing. Questa è una breve dichiarazione che rende più facile concentrarsi su ciò che è importante – e cosa non lo è – nella creazione dei contenuti in modo che la strategia di content marketing rimanga in pista.

Una dichiarazione di missione di content marketing delinea:

  • Il tuo pubblico di destinazione
  • Il contenuto che utilizzerai per raggiungerli
  • Il vantaggio che otterranno

Ecco un esempio della pagina relativa a CIO.com.

Definisce il pubblico (CIO e dirigenti della tecnologia aziendale). Evidenzia i benefici (approfondimenti sullo sviluppo della carriera). E fornisce esempi di cosa copre il suo contenuto (certificazione, trasformazione digitale, sviluppo delle competenze e pratiche di assunzione).

Per creare una missione per la tua attività, prova questa formula:

Forniamo [pubblico di riferimento] con [tipo di contenuto] per aiutarli [obiettivi di business].

Mentre la dichiarazione di missione riguarda ciò che il tuo pubblico otterrà dalla tua strategia di marketing dei contenuti, devi anche pensare a ciò che la tua azienda otterrà da esso. Ecco dove arrivano i tuoi obiettivi di business.

Gli obiettivi tipici includono:

  • Migliorare le entrate come risultato della tua strategia di content marketing
  • Fare più vendite e ottenere più lead di alta qualità, che ti aiuteranno a raggiungere i tuoi obiettivi di guadagno.
  • Ottenere più traffico al tuo sito, più traffico c'è, maggiori sono le possibilità di raggiungere gli altri tuoi obiettivi.
  • Migliorare la percezione della tua azienda, quindi tu acquisire influenza e autoritàe sono visti come un leader di pensiero.
  • Successo SEO, che porta a più traffico.
  • Riduzione dei costi di marketing, come i tuoi contenuti diventano più efficaci.
  • Impegno sui social media, che può aiutare sia con il traffico sia con l'autorità.

Una volta che conosci i tuoi obiettivi, è ora di passare al passaggio successivo.

Passaggio 2. Stabilisci i tuoi KPI

Il modo migliore per raggiungere gli obiettivi è renderli specifici e misurabili. Ciò significa impostare gli indicatori chiave di prestazione (KPI) per la tua strategia di marketing dei contenuti.

I KPI ti aiuteranno a capire quando hai raggiunto i tuoi obiettivi fornendo le pietre miliari che puoi controllare. Includeranno ciò che si prevede di ottenere in termini di entrate, vendite, traffico, SEO, traffico e diversi aspetti del marketing digitale, come l'email marketing e le metriche dei social media.

In genere, a questi saranno associati numeri specifici. Ad esempio, potresti voler:

  • Colpisci un determinato obiettivo di entrate entro il mese, trimestre o anno.
  • Ottieni più iscrizioni per il tuo magnete guida come segno che stai ricevendo più lead di alta qualità
  • Ottieni un certo numero di nuovi abbonati alla posta elettronica
  • Vedi un aumento del traffico del sito e in collaborazione con i tuoi contenuti in loco
  • Migliora la classifica di ricerca di alcune delle tue pagine chiave per aumentare il traffico
  • Ottieni un certo numero di citazioni, condivisioni e commenti per il contenuto del tuo pilastro
  • Essere invitato a partecipare ad alcuni eventi chiave del settore

Dovrai anche prestare attenzione alle spese di marketing, tenere traccia della tua spesa in diverse campagne e tenere d'occhio il costo dell'acquisizione dei lead e delle vendite.

Scopri di più sui KPI per la tua strategia di marketing dei contenuti nella nostra guida al ROI del marketing dei contenuti.

Passaggio 3. Conosci il tuo pubblico

Come accennato in precedenza, per una strategia di content marketing di successo, devi essere chiaro su chi è il tuo pubblico in modo da poter creare il contenuto giusto per raggiungerli. Ci sono tre azioni che devi compiere.

Raccogli dati demografici

Il primo passo è raccogliere dati demografici sui visitatori, sugli abbonati e sui follower dei social media.

Analisi dei dati web, analisi dei social media e analisi dei sottoscrittori della posta elettronica ti forniranno i dati di cui hai bisogno sul pubblico:

  • Età
  • Genere
  • Formazione scolastica
  • Reddito

Avrai anche un'idea dei loro interessi principali. Per trovare queste informazioni in Google Analytics, vai a Pubblico »Interessi» Panoramica. Vedrai i segmenti di mercato in cui i tuoi visitatori web si adattano.

Ulteriori informazioni sull'utilizzo di Google Analytics nella nostra guida approfondita.

I siti di social media offrono dati simili. Ad esempio, puoi ottenere informazioni demografiche sui tuoi fan di Facebook tramite le Informazioni sulla pagina di Facebook:

E puoi usare l'analisi di Twitter per ottenere dati demografici sui tuoi follower su Twitter:

Ottieni il feedback dei clienti

Per saperne di più sul tuo pubblico di destinazione, prova a raccogliere feedback dai tuoi attuali clienti. Questo ti darà informazioni su:

  • Come si sentono riguardo al contenuto che stai attualmente producendo
  • Quali sono i loro bisogni più urgenti
  • Come puoi affrontare i loro problemi con i tuoi contenuti

Ottenere il giusto feedback dei clienti può aiutarti a:

  • Comprendi le priorità dei tuoi lettori e degli iscritti
  • Scegli i posti migliori per raggiungere i tuoi clienti (vedi punto 9)
  • Esamina i tuoi acquirenti personas, di cui parleremo in seguito

Ecco la nostra guida per raccogliere feedback dai tuoi clienti sul tuo sito.

Crea acquirenti Personas

Quando si dispone di dati demografici e feedback dei clienti, è possibile creare o arricchire personas acquirente. I personaggi degli acquirenti, noti anche come avatar dei clienti, descrivono i tuoi lettori e clienti ideali in modo che tu possa indirizzare meglio i contenuti.

I migliori avatar dei clienti includono informazioni sui punti deboli, le sfide, le fonti di informazione e i motivatori comportamentali dei vostri clienti.

Quando saprai tutto questo, avrai una migliore comprensione di:

  • Il tipo di contenuto a cui il tuo pubblico risponderà
  • Come li aiuterà
  • Cosa li farà preoccupare per questo

Scopri di più sugli avatar dei clienti nella nostra guida alla creazione di personaggi degli acquirenti. Include modelli come questo di Digital Marketer:

Passaggio 4. Valuta la tua posizione attuale

Molte aziende hanno già dei contenuti là fuori. Ciò includerà i contenuti presenti sul tuo blog, così come i contenuti dei social media, i podcast, i video e così via.

Ecco perché il prossimo passo è capire se quel contenuto ti sta aiutando a raggiungere i tuoi obiettivi.

(Se hai appena iniziato e hai zero contenuti, puoi saltare al passaggio 5 – Scopri i migliori canali di contenuti.)

Per fare ciò, dovrai eseguire una verifica del contenuto. Questo significa:

  • Registrazione di tutti i contenuti, ad esempio post di blog, post di guest e così via
  • Valutare la loro utilità o successo
  • Identificazione delle lacune

Potresti anche voler vedere come i tuoi contenuti sono comparabili con quelli dei tuoi concorrenti, e vedere come qualsiasi nuovo contenuto si adatterà al mercato.

Diamo un'occhiata a un esempio di come questo potrebbe funzionare per la tua strategia di content marketing.

Come registrare il contenuto

Se vuoi registrare tutti i contenuti del tuo sito o del tuo blog, Screaming Frog è un ottimo punto di partenza. È un crawler di URL che:

  • Elenca gli URL
  • Analizza titoli e descrizioni di pagine
  • Trova pagine duplicate
  • Crea sitemap.

La versione gratuita esegue la scansione di fino a 500 URL. SEER Interactive ha una guida eccellente e approfondita a Screaming Frog. Come bonus, puoi utilizzare questo strumento anche per ricerche competitive, eseguendo lo stesso tipo di analisi sui contenuti della concorrenza.

È inoltre possibile registrare il contenuto con lo strumento di controllo del contenuto da SEMRush. Per fare ciò, configura un progetto e seleziona la sezione del tuo sito che vuoi controllare, ad esempio il tuo blog. Una volta selezionati gli URL, premere il tasto Avvia il controllo del contenuto pulsante.

Riceverai un'analisi completa dei tuoi contenuti, tra cui:

  • Titoli e descrizioni dei contenuti
  • Lunghezza del contenuto
  • ritroso
  • Condivisioni sociali

Esportare i dati per creare un semplice foglio di calcolo che contenga tutti gli URL.

Guarda come funziona il tuo contenuto

Successivamente, è il momento di valutare l'utilità del contenuto. Stai cercando metriche come:

  • Se ci sono molti link in entrata al contenuto
  • Qual è il posizionamento del motore di ricerca per le parole chiave associate a quel pezzo di contenuto
  • Se il contenuto è ampiamente condiviso

Otterrai alcune di queste informazioni dal rapporto SEMRush di cui sopra, ma potrai trovare ulteriori informazioni utilizzando altri strumenti SEMRush, come gli strumenti di verifica del sito e di rilevamento della posizione.

Questo ti dirà:

  • Quali parti di contenuti sono così efficaci che non è necessario cambiarle
  • Quali hanno bisogno di miglioramenti o aggiornamenti per raggiungere i tuoi obiettivi
  • Quali devono essere rimossi o sostituiti

Identifica le lacune di contenuto

Infine, cerca dove ci sono lacune da sfruttare. Questi potrebbero includere:

  • Parole chiave correlate alla tua nicchia che non hai come target con i tuoi contenuti
  • Domande al pubblico di destinazione è chiedere che non stai rispondendo
  • Il contenuto che sta iniziando a classificarsi bene ma potrebbe essere migliorato, ad esempio per scegliere come target le caselle di risposta di Google. Queste sono le caselle che appaiono sopra i risultati di ricerca e forniscono le risposte a una domanda specifica.

Puoi utilizzare Ahrefs per eseguire un'analisi del gap del contenuto.

Per fare questo, andare a Ricerca organica »Spazio dei contenuti. Aggiungi i domini per i tuoi principali concorrenti sotto Mostra parole chiave per il seguente posizionamento. Aggiungi il tuo dominio sotto Ma il seguente obiettivo non classifica. stampa Mostra parole chiave.

Vedrai un elenco di parole chiave della concorrenza che puoi scegliere come target con i tuoi nuovi contenuti.

È possibile eseguire un'analisi simile in SEMRush.

Passaggio 5. Scopri i migliori canali di contenuti

Mentre lavori in questo processo, inizierai a capire dove si trova il tuo pubblico e dove hai già una presenza online di successo. È meglio concentrarsi su ciò che funziona ed espandersi da lì, piuttosto che provare a fare tutto in una volta.

Ma per essere assolutamente sicuro, dovrai dare un'altra occhiata all'analisi dei dati web. Quando sei in Google Analytics, vai a Acquisizione »Social» Panoramica per vedere i principali social network in cui i tuoi contenuti vengono condivisi. Ad esempio, nel nostro screenshot, la maggior parte dell'attività social si svolge su YouTube.

Puoi anche usare Buzzsumo per trovare dati simili. Vai a loro Analisi del contenuto strumento e digitare il nome del dominio nella casella di ricerca sullo schermo. Premi Invio e vedrai i grafici che mostrano:

  • Azioni per rete
  • Condivide per tipo di contenuto
  • Condivisioni per durata del contenuto
  • Contenuti principali nell'ultimo anno

Puoi anche perfezionare i termini di ricerca per maggiori dettagli.

Con queste informazioni, puoi facilmente decidere quali reti scegliere come target per ottenere coinvolgimento e condivisioni sui social media per i tuoi contenuti.

Passaggio 6. Decidere i tipi di contenuto

Quindi, pensa ai tipi di contenuti che devi creare. Esistono alcuni tipi di contenuto che includeranno ogni strategia di marketing dei contenuti.

La maggior parte delle strategie di content marketing di successo si basano sull'avere un nucleo centrale di contenuti pubblicati sul proprio sito (o home base) che possono poi essere riproposti e condivisi su altri siti (avamposti).

Quindi i post sul blog sono una parte essenziale del tuo mix di marketing dei contenuti e danno ancora risultati importanti. Idealmente, i post del tuo blog saranno perseguibili, utili e condivisibili e potrebbero includere una gamma di tipi di articoli.

Come mappare il contenuto al social con Buzzsumo

Puoi utilizzare lo strumento Buzzsumo menzionato sopra per mappare i tipi di post del blog che desideri creare al potenziale per le condivisioni sociali per aumentare il coinvolgimento e la copertura.

Ad esempio, ai lettori di Jared Ritchey piacciono molto gli articoli e gli elenchi. Fai clic su un tipo di contenuto e una rete per visualizzare un elenco degli articoli più condivisi per tale metrica.

Naturalmente, la creazione di una strategia di content marketing di successo non riguarda solo l'osservazione dell'ombelico per ottenere statistiche sul proprio sito. Si tratta anche di vedere quali altri contenuti di successo sono disponibili per l'ispirazione. Buzzsumo può aiutare anche con questo.

Utilizzando lo stesso strumento, digita il tuo argomento nella casella di ricerca. Vedrai le statistiche di condivisione da tutto il web. Ad esempio, un grafico suggerisce che i contenuti di forma lunga sul content marketing sono molto popolari:

Ci sono anche dati sulla pubblicazione dei domini più condivisa su questo argomento, e le parti principali dei contenuti condivisi relative ad esso.

Altre funzioni di Buzzsumo ti consentono di tracciare ritroso, contenuti di tendenza e domande alle persone, e la ricerca standard di Buzzsumo include la condivisione di dati per i video.

Altri tipi di contenuto

Quali altri contenuti dovrebbero essere inclusi nel tuo piano di strategia per i contenuti? Come dimostra la nostra stessa ricerca, il marketing video dovrebbe essere una parte essenziale di qualsiasi marketing, poiché ha dimostrato di coinvolgere i visitatori per mantenerli sul posto più a lungo, migliorare la generazione di lead e ridurre l'abbandono.

Ti consigliamo inoltre di includere altri tipi di contenuti visivi per migliorare il coinvolgimento.

Prendi in considerazione la creazione di infografiche con strumenti come Piktochart e Canva e l'utilizzo di Canva e strumenti simili per creare grafica e meme personalizzati per la condivisione sociale, come fa Grammarly.

Altri tipi di contenuti da includere per migliorare la generazione di lead includono magneti di piombo come webinar, ebooks, liste di controllo, fogli di lavoro e altro.

Vale anche la pena pensare al podcasting come meccanismo di distribuzione dei contenuti, dato che oltre il 40% degli americani ora ascolta i podcast. Ecco un elenco di podcast di marketing per l'ispirazione.

Il prossimo passo è capire che cosa è necessario per creare quel contenuto.

Passaggio 7. Identificare e allocare risorse

Ora che sai qual è il tipo di contenuto che stai progettando di creare, a chi è destinato e dove intendi condividerlo, è importante assicurarsi di disporre di tutto ciò che è necessario per realizzare nella strategia di content marketing. Ciò implica rispondere a domande come:

  • Chi è responsabile della produzione e del mantenimento dei contenuti?
  • Quali strumenti e risorse umane, fisiche o digitali avete bisogno per creare il contenuto?
  • Come sarà il flusso di lavoro di pubblicazione, inclusa la pianificazione dei contenuti?

Diamo un'occhiata a ciascuno di questi in modo più dettagliato.

Chi è responsabile della produzione di contenuti?

Questa domanda riguarda l'assegnazione dei ruoli. Dovrai pensare a chi è responsabile in generale e chi è responsabile della distribuzione di singoli contenuti.

Ciò dipenderà dalle dimensioni della tua azienda e dal team di contenuti e dal fatto che tu stia facendo tutto internamente o coltivando la produzione di contenuti.

Un esempio di come questo potrebbe apparire sarebbe:

  • Il CEO o chief marketing officer ha l'approvazione finale generale sulla strategia di contenuto e contenuto.
  • Il tuo responsabile del marketing dei contenuti si occuperà di fornire quotidianamente la tua strategia di marketing dei contenuti e collaborerà con il team dei contenuti.
  • Gli individui creeranno contenuti, in base alla loro esperienza.

Di quali strumenti e risorse hai bisogno?

Successivamente, scopri come realizzerai il contenuto. I tuoi produttori di contenuti potrebbero includere:

  • Creatori di contenuti interni
  • Specialisti nella creazione di video, podcasting o progettazione grafica
  • Liberi professionisti

Un modo per trovare rapidamente i migliori freelance è quello di tornare ai risultati di ricerca di Buzzsumo e vedere chi ha scritto i migliori contenuti. Non c'è nulla di male nell'avvicinarli per vedere se sono disposti a contribuire al tuo team di contenuti. È inoltre possibile trovare grandi produttori di contenuti freelance attraverso reti come Contently, NDash, ClearVoice e simili.

Avrai anche bisogno di attrezzature per il podcasting e la creazione di video professionali, e dovrai organizzare l'hosting su siti come YouTube, Vimeo, Spreaker e Blubrry.

Consulta la nostra lista di suggerimenti per il marketing video per iniziare.

Flusso di lavoro del contenuto

Quindi, stabilisci quale sarà il tuo processo di produzione dei contenuti. Ad esempio, per un tipico post di blog, potresti dover:

  • Crea una struttura e falla approvare
  • Scrivi il post
  • Crea immagini di accompagnamento
  • Invia il post all'editor
  • Apporta le modifiche
  • Caricare
  • Pubblicare

C'è ancora una cosa da fare prima di iniziare a cercare e creare parti di contenuti: creare un calendario di contenuti, in modo da sapere cosa verrà pubblicato quando. Lo vedremo nel prossimo passaggio.

Passaggio 8. Creare un calendario di contenuto

Come parte della strategia per i contenuti, devi sapere esattamente quando vuoi pubblicare i tuoi contenuti su ciascuna delle piattaforme che desideri utilizzare.

La mancanza di pianificazione è un errore di marketing dei contenuti, quindi è fondamentale utilizzare un calendario di contenuti per pianificare tutti i contenuti. Ci sono diversi modi per farlo.

Ad esempio, puoi utilizzare Google Calendar e inserire semplicemente le date di scadenza per ciascun contenuto. Funziona piuttosto bene, specialmente se non pubblichi molti contenuti.

Questo è l'approccio più semplice, ma se pubblichi molti contenuti e devi gestire un team di contenuti e il flusso di lavoro di produzione che hai deciso, allora probabilmente vorrai avere altre funzionalità.

Le opzioni per la gestione di questo includono strumenti di gestione della produttività e delle attività come Asana (mostrato sotto) o uno strumento di calendario editoriale appositamente creato come CoSchedule. Entrambi ti permetteranno di pianificare diverse parti del processo di creazione del contenuto.

Un modo per trovare contenuti da aggiungere al calendario è fare una ricerca iniziale per trovare gli argomenti a cui il pubblico risponderà.

Trova le domande che i tuoi clienti chiedono

Abbiamo già accennato alla necessità di creare contenuti intorno a ciò che il pubblico desidera. Un modo per scoprirlo è usare l'Analizzatore di domande di Buzzsumo o rispondere al pubblico.

Digita un argomento nella casella Rispondi alla ricerca pubblica e otterrai un elenco di domande che gli utenti hanno effettivamente cercato su Google.

Scegli una domanda che sembra pertinente per il tuo pubblico, decidi il tipo di contenuto, ad esempio un post sul blog, e aggiungi un titolo al tuo calendario. Ripeti il ​​processo finché non hai pianificato i contenuti per i prossimi mesi.

Passaggio 9. Crea contenuto

Come hai visto, c'è un sacco di lavoro di preparazione nella tua strategia di content marketing prima di creare effettivamente un pezzo di contenuto. Ma ora è il momento di farlo. Utilizzeremo un post sul blog come esempio, ma questi suggerimenti funzioneranno praticamente per qualsiasi tipo di creazione di contenuti.

Con la ricerca che hai già fatto, avrai un'idea del tipo di post di blog da creare. Ad esempio, sappiamo che i post delle liste e gli how-to sono popolari con i nostri lettori.

Ora è il momento di scegliere un titolo dal calendario dei contenuti e iniziare a lavorarci.

Ricerca il tuo contenuto

Quando sei pronto per scrivere, dovrai scoprire:

  • Cosa c'è già là fuori
  • In che modo i tuoi nuovi contenuti possono aggiungere valore al tuo pubblico

Significa fare una ricerca su Google, controllare i contenuti migliori per il tuo argomento e vedere come puoi migliorarlo. Questa è la tecnica del grattacielo.

Anche la ricerca originale va bene, quindi considera questa opzione come un'opzione se stai raccogliendo il giusto tipo di dati.

Includere la ricerca per parole chiave per identificare i termini chiave da utilizzare per una migliore SEO e un miglior posizionamento nella ricerca. Copriamo questo processo in dettaglio nella nostra guida alla ricerca di parole chiave 101.

Crea il contenuto

Infine, inizia a scrivere o creare i tuoi contenuti. A questo punto, dovrai pensare a come riflettere la personalità del tuo marchio nei contenuti che scrivi.

Potresti voler essere super-professionale, molto disinvolto, o qualcosa in mezzo. E dovrai gestire l'equilibrio tra mostrare la tua esperienza e non paternalizzare il tuo pubblico. Ecco i consigli di Sprout Social per creare coerenza con la voce del tuo brand e tenere a mente importanti fattori di ranking SEO per ottimizzare i tuoi contenuti. Dai un'occhiata a questi esempi di marketing di contenuti di successo per l'ispirazione.

Passaggio 10. Distribuisci e commercializza

La prossima parte fondamentale della strategia dei contenuti è la distribuzione e il marketing. Questo perché non otterrai i risultati desiderati a meno che questi non vengano gestiti correttamente. Ad esempio, è probabile:

  • Imposta un programma per condividere i tuoi contenuti sui social media, sia immediatamente, sia attraverso una campagna di gocciolamento tramite uno strumento come Missinglettr.
  • Usa l'email marketing per distribuire i tuoi contenuti agli abbonati.
  • Comunicare eventuali influencer menzionati nel contenuto per diffondere la parola ancora più ampia.

Jared Ritchey è anche un ottimo strumento da utilizzare per promuovere i tuoi contenuti, sia sul tuo sito che tramite la tua newsletter. Ad esempio, Olyplant ha utilizzato Jared Ritchey per aumentare le visualizzazioni di pagina del 157%.

Jared Ritchey include:

  • Una vasta gamma di funzioni di targeting, tra cui targeting a livello di pagina, retargeting in sito e targeting per località
  • La capacità di attirare l'attenzione dei visitatori con contenuti mirati appena prima di lasciare il tuo sito con la tecnologia Exit-Intent®
  • Diversi modi per attivare campagne di marketing di contenuti, referrer, dispositivi, attività e altro
  • Integrazioni con i principali servizi di email marketing

Puoi anche usare Jared Ritchey per:

  • Consegna il tuo magnete guida
  • Dirigi nuovi visitatori verso le parti più importanti del tuo sito
  • Coinvolgi i visitatori mostrando loro nuovi contenuti ogni volta che arrivano sul tuo sito

I clienti di Jared Ritchey hanno utilizzato con successo il nostro software per campagne di marketing per triplicare le loro mailing list e ottenere il 3806% in più di conversioni con contenuti controllati.

Passaggio 11. Misurare i risultati

Infine, è il momento di valutare il successo della strategia di content marketing. Per fare ciò, tornerai a quegli indicatori KPI impostati all'inizio del piano di strategia per i contenuti e vedrai cosa è cambiato e se stai colpendo i tuoi obiettivi.

Per fare questo, puoi:

  • Controlla Google Analytics come descritto sopra per vedere come sta andando il tuo contenuto
  • Misura l'attività di condivisione sociale tramite Buzzsumo e altri strumenti di analisi sociale
  • Guarda il cruscotto di analisi delle conversioni di Jared Ritchey per valutare il successo delle tue campagne di marketing

Altri strumenti per monitorare il successo del marketing dei contenuti includono Google Alerts e Mention. Entrambi ti consentiranno di vedere se i tuoi contenuti vengono citati e condivisi, aiutandoti a raggiungere quei KPI per consapevolezza e coinvolgimento.

Strumenti come SEMRush ti aiuteranno a valutare i KPI per il grado di ricerca dei tuoi contenuti. E sarai in grado di monitorare le iscrizioni e-mail attraverso l'analisi nel tuo software di email marketing.

Monitorando i tuoi progressi, sarai in grado di modificare la tua strategia di marketing dei contenuti a intervalli regolari, quindi è sempre aggiornato.

Questo è tutto! Ora sai come creare una strategia di content marketing di successo dall'inizio alla fine. Per aiutarti a ricordare i passaggi, abbiamo creato un PDF per la strategia di contenuti che puoi utilizzare come modello per crearne uno tuo.

Successivamente, dai un'occhiata a questi hack di marketing digitale e suggerimenti SEO per aiutarti a rendere i tuoi contenuti ancora più efficaci.

E non dimenticare di seguirci su Twitter e Facebook per guide e risorse ancora più approfondite.

Guarda il video: Un Semplice Trucco Che Ti Insegnerà Come Risparmiare Soldi Velocemente

Like this post? Please share to your friends:
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: