Check Lista di controllo SEO on-page: come ottimizzare completamente i tuoi messaggi

25 migliori temi WordPress commerciali del 2010

Vuoi ottimizzare i post del tuo blog per i motori di ricerca? I tuoi post potrebbero potenzialmente classificarsi nella pagina 1 di Google, ma ciò non accadrà a meno che Google non sappia quali parole chiave devono essere classificate per il tuo post. In questo articolo, condivideremo la nostra lista di controllo SEO on-page che utilizziamo per ottimizzare completamente i nostri post in modo che vengano visualizzati nei risultati di ricerca.

Risorsa consigliata: Hai bisogno di più traffico sul sito web? Scopri come posizionare il numero 1 su Google con la nostra Guida definitiva al SEO nel 2018.

Che cos'è il SEO On-Page?

via-pagina SEO è la roba che fai per migliorare le tue classifiche off-site, come backlink e condivisioni di social media. Questi sono i segnali che Google utilizza per determinare l'autorità del tuo sito e quanto in alto potrai classificarti nei risultati.

Tuttavia, a meno che non ottimizzi i tuoi post sopra-pagina, Google non saprà quali parole chiave dovresti classificare, e non comparirai nei risultati di ricerca.

Il SEO on-page è tutto ciò che fai per dire a Google di che cosa parla il tuo post e quali termini di ricerca dovrebbero essere visualizzati. Ci sono anche alcune cose che puoi fare on-page che possono aiutarti a ottenere un punteggio più alto per questi termini riducendo la frequenza di rimbalzo, aumentando la percentuale di clic, aumentando il tempo di permanenza, ecc.

(Non preoccuparti, ti spiegheremo come fare tutto questo più avanti in questo post.)

Stai ottimizzando completamente i tuoi post per SEO on-page? Scopriamolo…

Bonus esclusivo: Scarica la lista di controllo di OnPage SEO per ottimizzare i tuoi post.

Configurazione iniziale

Innanzitutto, devi eseguire alcune impostazioni iniziali sul tuo sito prima di ottimizzare i singoli post e pagine. Hai solo bisogno di completare questi passaggi una volta e poi sei a posto.

1. Installa Google Analytics

Ogni sito web dovrebbe avere un account Google Analytics installato per monitorare e mettere a punto i tuoi sforzi SEO. Con Google Analytics, sarai in grado di raccogliere i dati dei visitatori dal tuo sito web e utilizzare tali dati per creare rapporti che ti forniranno informazioni su come le persone usano il tuo sito web e su come puoi migliorare il tuo SEO.

Puoi monitorare la quantità di traffico di ricerca che stai ricevendo rispetto al traffico diretto o di riferimento, puoi monitorare la frequenza di rimbalzo (che influenza le tue classifiche) e determinare se i tuoi sforzi SEO on-page sono stati efficaci per aumentare il tuo traffico organico .

Lettura consigliata: come installare Google Analytics per principianti

2. Installa Google Search Console

Mentre Google Analytics ti offre un'immagine di come i visitatori utilizzano il tuo sito, Google Search Console (in precedenza "Strumenti per i Webmaster di Google") intende mostrare come il tuo sito web viene visualizzato dai motori di ricerca. Ogni sito web dovrebbe installare questo strumento.

Puoi visualizzare le informazioni di scansione, il numero di ricerche restituite dalle pagine del tuo sito, il numero di pagine visualizzate nei risultati di ricerca, il numero di ricerche che hanno generato un click-through, la tua posizione di ricerca media e molto altro ancora. Puoi anche usarlo per inviare una Sitemap e creare un file robots.txt, che aiuta con SEO. Puoi persino usarlo per trovare e correggere gli errori che possono avere un effetto negativo sul tuo SEO.

Lettura consigliata: Guida per principianti alla Search Console di Google

3. Installa Google Analytics di MonsterInsights

Se hai un sito WordPress, c'è un modo semplice per collegarlo al tuo account Google Analytics. Tutto quello che devi fare è installare il plug-in Google Analytics di MonsterInsights e seguire le istruzioni qui.

4. Installa Yoast SEO

Yoast SEO è un plugin per WordPress che ha un'enorme quantità di funzioni per SEO on-page. È un must per qualsiasi sito WordPress.

Lettura consigliata: come installare e configurare Yoast SEO

5. Crea una Sitemap XML e Invia a Google

Una sitemap XML è un elenco di tutte le pagine accessibili all'utente sul tuo sito Web e viene utilizzata per indicare ai motori di ricerca le pagine del tuo sito che desideri indicizzare. Indica anche ai motori di ricerca quali link sul tuo sito web sono più importanti di altri e con quale frequenza aggiorni il tuo sito.

Le Sitemap non influenzano il ranking delle ricerche, tuttavia sono importanti per il SEO perché garantiscono che tutte le pagine del tuo sito possano essere indicizzate correttamente.

Lettura consigliata: come creare una sitemap in WordPress

6. Creare un file Robots.txt e inviarlo a Google

Robots.txt è un file di testo che ti consente di dare istruzioni specifiche ai bot di scansione web. Puoi usarlo per dire ai motori di ricerca quali pagine vuoi che indicizzino e quali vuoi che ignorino. Inoltre, è qui che i motori di ricerca cercheranno la tua sitemap XML (a meno che tu non l'abbia specificata in Google Search Console).

Lettura consigliata: come ottimizzare il tuo WordPress Robots.txt per SEO

7. Installa i rich snippet di Schema.org

I rich snippet ti consentono di fornire ai motori di ricerca informazioni aggiuntive che vorresti apparire nei risultati di ricerca. Ciò rende il tuo annuncio più evidente nei risultati e può aumentare la percentuale di clic, che migliora il posizionamento delle ricerche.

Ecco un esempio di un rich snippet con un'immagine di anteprima e una valutazione a stelle:

Il modo più semplice per gli utenti di WordPress di installare rich snippet è con il plug-in Rich Snippets di All In One Schema.org.

Lettura consigliata: Guida per principianti: Come utilizzare rich snippet in WordPress

Prima di colpire "Pubblica"

Ora che hai completato la configurazione iniziale, sei pronto per ottimizzare ogni post che pubblichi. Prima di premere il pulsante "Pubblica", assicurati di aver controllato quanto segue …

8. Utilizza Google Keyword Planner per trovare parole chiave

Google Keyword Planner è uno strumento gratuito che ti aiuta a trovare le parole chiave per le quali desideri pubblicare il tuo post.Puoi vedere quante ricerche mensili ci sono per ogni determinata parola chiave, quanto è alta o bassa la competizione per quella parola chiave, e può anche suggerire parole chiave per te in base all'argomento in modo da poter scegliere le migliori per target.

Dovrai disporre di un account Google AdWords (gratuito) per utilizzare lo strumento Google Keyword Planner.

9. Usa un URL SEO-Friendly

Assicurati che i tuoi URL siano SEO-friendly. In generale, se i tuoi URL sono facili da leggere per le persone, saranno anche preferiti dai motori di ricerca. Abbina l'URL al titolo del tuo post sul blog, laddove possibile, e assicurati che i tuoi URL non siano eccessivamente lunghi (probabilmente 100 caratteri o più sono troppi).

10. Includi la parola chiave nell'URL

Assicurati che il tuo URL includa la parola chiave che desideri scegliere come target.

Lettura consigliata: SEO Made Simple: dove e come utilizzare le parole chiave nei tuoi contenuti

11. Includi almeno una volta la parola chiave in un tag H1

Se il nome del tuo blog include la tua parola chiave, probabilmente questa parte è già gestita perché il titolo è solitamente racchiuso tra i tag H1.

12. Includi la parola chiave nel primo paragrafo

Google analizza la visualizzazione iniziale della parola chiave nel tuo post, quindi assicurati di includerla almeno una volta nel primo paragrafo.

13. Includere almeno una parola chiave una volta nei tag sottotitoli

I tag sottotitoli sono tag come H2 e H3. Includere la parola chiave almeno una volta in uno di questi sottotitoli.

14. Includere la parola chiave più volte all'interno della copia del corpo

Senza "riempire" la tua parola chiave, includila più volte nel corpo del tuo post. Questo dovrebbe accadere naturalmente come parte del flusso del tuo articolo.

15. Utilizzare le parole chiave Latent Indexing semantico (LSI)

Le parole chiave Latent Semantic Indexing (LSI) sono termini di ricerca che sono sinonimi o strettamente correlati alla tua parola chiave. Puoi trovarli nella parte inferiore dei risultati di ricerca di Google per qualsiasi termine di ricerca specificato:

Puoi utilizzarli come idee per modi alternativi in ​​cui puoi esprimere la tua parola chiave all'interno della tua copia. Ancora una volta, non riempire questi: basta usarli naturalmente nella tua scrittura.

16. Includi collegamenti interni all'inizio del post

La tua frequenza di rimbalzo (la percentuale di visitatori che si allontanano dal tuo sito dopo aver visualizzato solo una pagina) è un importante fattore di posizionamento SEO che Google considera nel determinare la tua posizione nei risultati di ricerca. Per ridurre al minimo la frequenza di rimbalzo, includi presto i link interni nel tuo post.

17. Includere almeno 3-4 collegamenti interni

L'altro motivo per cui dovresti includere link interni nel tuo articolo è perché l'interconnessione dei tuoi post aiuterà i motori di ricerca a eseguire la scansione e a comprendere il tuo contenuto. Assicurati di includere almeno 3-4 link a post di blog pubblicati in precedenza ogni volta che ne pubblichi uno nuovo.

18. Collegamento a siti rilevanti, autorità

Dovresti includere anche i link in uscita nel tuo post quando citi le tue fonti. Questo aiuta a dare ai tuoi contenuti più credibilità.

Assicurati solo che i tuoi link in uscita siano indirizzati a siti con autorizzazioni elevate pertinenti al tuo contenuto. Ad esempio, se il tuo post riguarda gli animali, potresti collegarti a un sito correlato agli animali di alta autorità come Animal Planet.

19. Usa la corretta ortografia e grammatica

Non solo l'ortografia e la grammatica corrette sono importanti per la leggibilità del tuo post, ma anche i motori di ricerca si preoccupano di ciò (e ti verrà penalizzato per errori di scrittura).

Puoi usare un plugin WordPress come TinyMCE Spellcheck per aggiungere un pulsante di controllo ortografico all'editor, in modo da poterlo controllare direttamente nella schermata di modifica di WordPress. Oppure puoi utilizzare un'estensione del browser come After the Deadline.

20. Usa contenuti di forma lunga

Generalmente, più lungo è il contenuto, più alto sarà il rango nei risultati di ricerca. Probabilmente è perché Google ritiene che i contenuti di lunga durata siano più preziosi. L'altro effetto del contenuto di lunga durata è che può aumentare la quantità di tempo che un visitatore rimane sulla tua pagina prima di premere il pulsante "indietro" (tempo di sosta). Il tempo di permanenza è un altro fattore che i motori di ricerca utilizzano per determinare quanto in alto si classifica.

21. Utilizzare contenuti di alta qualità

Questo è forse il consiglio più importante di tutti: assicurati che il tuo contenuto sia di alta qualità. Più contenuti di alta qualità e utili sono per i veri esseri umani, più facile sarà classificare i tuoi contenuti.

Ricorda, l'obiettivo di Google è restituire il migliore risultati di ricerca. Assicurati che il tuo post sia migliore di tutti gli altri post sul tuo argomento.

22. Usa Multimedia

Un altro fattore che i motori di ricerca utilizzano per determinare il tuo posizionamento è la quantità di visitatori che interagiscono con i tuoi contenuti. Ecco perché è una buona idea usare i tuoi messaggi multimediali.

Ad esempio, è possibile creare un quiz interattivo e incorporarlo nel post del blog per incoraggiare l'interazione (è possibile farlo con uno strumento come Qzzr).

Alcuni altri modi per incorporare la multimedialità includono i widget audio, video e social media.

23. Includi commenti e recensioni

Un altro modo per aumentare l'interazione con i visitatori è includere commenti e recensioni.

Inoltre, rispondi a tutti i commenti che ricevi! Non solo aiuterà ad aumentare l'interazione, ma aumenterà anche la lunghezza dei tuoi contenuti allo stesso tempo.

24. Ridurre la dimensione del file delle immagini

La velocità di caricamento delle pagine è un fattore importante per la SEO, quindi assicurati che le immagini che utilizzi siano ottimizzate per il Web prima di caricarle.

Puoi anche impostare WordPress per ridimensionare automaticamente le tue immagini per ridurne le dimensioni (ecco un tutorial passo-passo su come farlo).

25. Usa la parola chiave nel nome del file immagine

Assicurati inoltre che la parola chiave sia inclusa nel nome del file immagine prima di caricarla. (Sì, anche Google lo vede!)

26. Usa testo alternativo

Utilizza sempre tag alt descrittivi nei tag immagine per descrivere di cosa si tratta e includere la parola chiave quando ha senso farlo.

Puoi aggiungere il testo alternativo in WordPress ogni volta che aggiungi una nuova immagine al tuo post dalla Libreria multimediale.

27. Usa titolo testo

Dovresti includere anche il testo del titolo all'interno dei tag immagine e includere la parola chiave quando ha senso farlo.

È possibile aggiungere il testo del titolo proprio come è possibile aggiungere il testo alternativo all'interno della schermata di allegato dell'immagine in WordPress.

28. Front-Load the Title Tag (Titolo SEO)

Se puoi, inclusa la tua parola chiave al inizio del tuo tag Title per il tuo post (caricandolo frontalmente) ti aiuterà con SEO.

Dal momento che hai installato Yoast SEO, puoi farlo semplicemente all'interno del campo del titolo SEO:

29. Scrivi un titolo SEO avvincente

Più importante del caricamento frontale del tag Title sta rendendo il tuo titolo allettante. Più persone fanno clic sul tuo post rispetto agli altri post nei risultati di ricerca (maggiore è la percentuale di clic), più alto sarà il posizionamento del tuo post. Il tuo titolo è fondamentale: assicurati che sia attraente!

Lettura consigliata: 21 titoli che sono diventati virali (e come puoi copiare il loro successo)

30. Mantieni il titolo SEO a 65 caratteri o meno

Più a lungo e il tuo titolo verrà troncato nei risultati di ricerca di Google.

31. Includere i modificatori nel titolo SEO

I modificatori sono parole come "migliore", "offerte", "compra", "economico" o "recensioni". Gli utenti tendono a includere questi modificatori durante la ricerca di oggetti, quindi sono ottimi da utilizzare nei titoli SEO e contribuiscono ad aumentare la percentuale di clic.

32. Scrivi una Meta Description Enticante

Assicurati di scrivere una descrizione meta per il tuo post e renderlo attraente! Accanto al titolo, questa è la seconda parte più importante nell'aumentare la percentuale di clic.

Puoi semplicemente aggiungerlo usando il campo Meta description con Yoast SEO:

33. Mantieni Meta Description a 160 caratteri

Più a lungo e la tua descrizione verrà troncata nei risultati di ricerca.

34. Includi la parola chiave in Meta Description

Assicurati di includere la parola chiave almeno una volta nella meta descrizione.

35. Usa parole potenti

Sia nel titolo del tuo SEO che nella meta descrizione, usa le parole di potenza per aumentare la percentuale di clic. Le parole potenti sono parole che fungono da fattori psicologici per invogliare le persone ad agire.

Alcuni esempi includono "eye-opening", "easy", "effective" e "case study". Qui ci sono più di 700 parole di potere che puoi usare per aumentare la tua percentuale di clic.

36. Usa i numeri

C'è qualcosa sui numeri a cui le persone semplicemente non possono resistere. Su quale di questi risultati di ricerca faresti clic?

I due con i numeri hanno attirato la tua attenzione meglio di quello medio, giusto? L'utilizzo di numeri nel titolo SEO e nella meta descrizione può davvero aiutare ad aumentare le percentuali di clic.

37. Includi parole e frasi da annunci AdWords

Brian Dean usa un metodo che chiama "Metodo del Magnete CTR": guarda gli annunci di AdWords che escono per la sua parola chiave per vedere le parole e le frasi che usano. Quindi incorpora alcuni di questi nel suo titolo SEO e nella meta descrizione. Dopotutto, stanno pagando i loro annunci, quindi devono aver riflettuto molto sulla loro copia!

Ulteriore ottimizzazione e risoluzione dei problemi

Ora che hai ottimizzato completamente il tuo post prima di pubblicarlo, ci sono ancora alcune cose che puoi fare per migliorare ulteriormente il tuo SEO on-page. Inoltre, ti consigliamo di fare un controllo SEO completo per assicurarti di non avere errori che stanno avendo un effetto negativo sul tuo SEO.

38. Utilizzare i pulsanti di condivisione social prominente

Google prende molto seriamente le condivisioni sociali per determinare quanto elevato deve essere classificato un post. Sebbene tecnicamente tali azioni non si verifichino sul tuo sito, puoi comunque ottimizzare la tua pagina per incoraggiare tali condivisioni aggiungendo i pulsanti di condivisione social.

Ci sono molte grandi opzioni gratuite per i plugin WordPress che fanno questo. Tuttavia, il mio preferito è un plugin premium chiamato Social Warfare.

39. Conserva le pagine importanti con un solo clic dalla tua home page

La tua home page ha il maggior "succo SEO" da diffondere sul resto del tuo sito, quindi usale con saggezza. Le tue pagine più importanti dovrebbero essere ad un solo clic dalla tua homepage: in questo modo, anche ai motori di ricerca verrà data maggiore importanza.

Ad esempio, invece di mettere una pagina importante a diverse pagine dalla tua homepage, in questo modo: Homepage "Pagina 1" Pagina 2 "Pagina importante, assicurati che sia a solo una pagina di distanza, in questo modo: Homepage "Pagina importante.

40. Controlla la velocità della pagina con Google Page Speed ​​Insights

Come accennato in precedenza, la velocità di caricamento della pagina è molto importante per il SEO. Fai un controllo utilizzando Google Page Speed ​​Insights per assicurarti che il tuo sito si carichi rapidamente e non presenti troppi errori.

41. Controlla Google Search Console per errori

Hai già installato Google Search Console, quindi utilizzalo ora! Ti consigliamo di verificare la presenza di errori 404/500, contenuti duplicati, titoli mancanti o altri errori tecnici.

42. Usa Browseo per trovare ancora più errori tecnici

Browseo è uno strumento che ti consente di visualizzare il tuo sito web dagli occhi di un motore di ricerca. Tutto quello che devi fare è inserire il tuo URL e fare clic sul pulsante "Sfoglia".

Controlla errori come 302 reindirizzamenti che dovrebbero essere reindirizzamenti 301 o altri errori tecnici.

43. Usa lo Strumento ragno SEO Screaming Frog per trovare ancora più errori

Lo strumento Screaming SEO Spider di Screaming è un crawler di siti Web che consente di trovare collegamenti interrotti, reindirizzare i controlli, scoprire contenuti duplicati e qualsiasi problema di ricerca per indicizzazione.

Tutto quello che devi fare è scaricare gratuitamente l'applicazione lite per iniziare a usarlo.

44. Rendi il tuo sito mobile reattivo

Ora che così tante persone usano i loro dispositivi mobili per navigare sul Web, è molto importante per il SEO che il tuo sito web sia reattivo al cellulare.

Se non sei sicuro che il tema che utilizzi sia mobile o meno reattivo, puoi utilizzare il Test di ottimizzazione mobile di Google per scoprirlo.

45. Prova il tuo sito su più browser

Oltre a essere reattivo ai dispositivi mobili, il tuo sito dovrebbe funzionare correttamente su più browser.

BrowserStack è un ottimo strumento premium che svolge un lavoro davvero completo.

Tuttavia, se hai bisogno di un'alternativa gratuita, puoi utilizzare uno strumento gratuito come Browserling.

Questo è tutto! Se hai verificato i passaggi precedenti, ora hai ottimizzato completamente i tuoi post per SEO. Ora i motori di ricerca sapranno esattamente quali termini di ricerca dovrebbero essere pubblicati dai tuoi post. Inoltre, hai eliminato eventuali errori che potrebbero causare problemi con i robot di ricerca per indicizzare il tuo sito.

Come ultima nota importante, ricorda che la cosa migliore che puoi fare per SEO è ottimizzare i tuoi post gli esseri umani. Più i tuoi post sono più adatti alle persone, più sarai ricompensato da Google. Non solo, ma le persone gradite sono ciò che è più importante per la tua azienda.

Scrivi sempre i post del tuo blog per persone, tenendo a mente i motori di ricerca usando i suggerimenti di cui sopra.

Sei bloccato su uno dei passaggi sopra? Fateci sapere nei commenti in modo che possiamo prestarvi una mano!

Guarda il video: come creare un negozio online su 100

Like this post? Please share to your friends:
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: